Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
ABITA Centro Interuniversitario di Architettura Bioecologica e Innovazione Tecnologica per l'Ambiente - Master

Moduli formativi

Moduli formativi
____________________________________________________________________________________________________________

 

 
M1 - Trasformare l’esistente e costruire il futuro: edifici e città smart

 

Il Modulo mira a formare nuove figure professionali capaci di incidere nel processo decisionale per la valorizzazione di processi di rivitalizzazione territoriale, attraverso la definizione di scenari di intervento e la comparazione delle diverse soluzioni progettuali per costruire edifici e città più sostenibili ed intelligenti.

I temi affrontati riguardano la sostenibilità ambientale, economica e sociale applicata alla gestione e al governo del territorio a scala urbana e alla progettazione e gestione di edifici nZEB.

La struttura didattica del modulo punta ad acquisire un approccio multidisciplinare per la gestione integrata di progetti di trasformazione urbana ed edilizia, coprendo una serie di ambiti eterogenei tra loro: il recupero dell’esistente in chiave di sostenibilità ed ecoefficienza, sia a scala urbana, sia a scala di edificio; la salvaguardia dell’ambiente  attraverso l’uso sostenibile delle risorse naturali e di materiali eco compatibili; la mobilità e le infrastrutture verdi; Project Management e analisi multi criteri; protocolli di sostenibilità e sistemi di valutazione ambientale (LEED, BREAM,ecc).

Inoltre, il modulo M1 fornisce le conoscenze operative necessarie per l’uso di strumenti che permettono di analizzare, rappresentare, interrogare o simulare fenomeni che si verificano sul territorio: - software open source QGIS (Geographical Information System) per l’analisi e il trattamento dei dati territoriali e la loro rappresentazione sotto forma di cartogrammi o tabelle; - software di simulazione ENVI-met per la creazione di modelli microclimatici tridimensionali a scala urbana utili nella valutazione dell’impatto ambientale di nuove strutture o aree verdi.

 

Durata: novembre 2019 – dicembre 2019

Crediti Formativi: 11 CFC

 

 _____________________________________________________________________________________________________________

 

 

M2 - Ambiente e progetto: i Criteri Ambientali Minimi

 

L’introduzione di standard progressivamente più elevati per la realizzazione di edifici ad energia quasi zero (nZEB ) e l’entrata in vigore nel 2017 del DM 11 ottobre 2017 “Criteri Ambientali Minimi per il settore dell’edilizia” (CAM), che obbliga anche il settore delle Pubbliche Amministrazioni ad adottare soluzioni tecnologiche di impianto e di involucro sempre più evolute per raggiungere target energetico-ambientali sempre più elevati, hanno messo in evidenza la necessità di formare figure professionali in grado di operare nel settore delle costruzioni servendosi di  competenze specifiche  inerenti la  progettazione sostenibile di nuovi edifici o la ristrutturazione e manutenzione di edifici esistenti, attraverso la conoscenza di un approccio sistemico di matrice ambientale. 

Il Modulo M2 mira a fornire le conoscenze di base necessarie per una progettazione sostenibile consapevole attraverso l’apprendimento di metodi per la valutazione delle ricadute ambientali delle scelte progettuali sull’eco-sistema. Con riferimento al più ampio quadro normativo europeo in tema di risparmio energetico, durante questa fase verrà fornita una panoramica generale sulla normativa nazionale, in particolare sui CAM  in Edilizia, in rapporto ai principali incentivi e strumenti di finanziamento (Conto Termico 2.0, Mutui BEI ecc.) per le Amministrazioni Pubbliche nel campo dell’efficientamento energetico e della pianificazione urbana sostenibile.

Gli approfondimenti poi delle tematiche fondamentali per la progettazione bioclimatica e l’orientamento ad una progettazione indirizzata alla sperimentazione architettonica di materiali, sistemi, e tecnologie innovative  ad alte prestazioni energetiche (Smart Materials e Adaptive Facades) e all’integrazione di sistemi di produzione dell’energia da fonti energetiche rinnovabili, consentiranno di effettuare le scelte progettuali in termini di compatibilità ambientale e di sviluppare altresì una buona abilità di giudizio critico relativo alle  strategie della progettazione con particolare riferimento al recupero energetico degli edifici (Deep Renovation).

Il modulo tratta inoltre gli aspetti teorici e pratici legati alla progettazione di edifici con sistemi tecnologici  in legno (xlam e platform frame), approfondendo la tematica attraverso l’analisi dei vantaggi ad essa riconducibili:  rapidità e facilità di esecuzione; prestazioni statiche; resistenza al fuoco; impatto ambientale; efficienza energetica; ecc.  

 

Durata: gennaio 2019 – febbraio 2019 

Crediti Formativi: 11 CFC

 

 _____________________________________________________________________________________________________________

 

 

M3 - Il sistema edificio impianto: dalla diagnosi energetica alla progettazione integrata

 

Il Modulo si propone di fornire, con riferimento al DM 26 Giugno 2015 e agli aggiornamenti tecnico-normativi della Norma UNI TS 11300  per la stima delle prestazioni energetiche degli edifici, le nozioni ritenute indispensabili per formare un profilo professionale completo in grado di operare nel campo della progettazione integrata in relazione ai diversi aspetti che attengono alla definizione della prestazione energetica del sistema edificio-impianto (in riferimento sia all’involucro edilizio che agli impianti tecnici) e alla valutazione del comfort globale interno.

Evidenziando gli aspetti legati all’innovazione tecnologica e all’integrazione nell’edificio di sistemi per la produzione di energia (solare, eolica, geotermica, ecc.) da fonti rinnovabili, il Modulo M3 consente di acquisire tutte le competenze utili per la progettazione tecnica di impianti solari termici e di impianti fotovoltaici, indirizzando il progettista verso le scelte tecnologiche più opportune in relazione al tipo di edificio e alle sue condizioni di contesto, in vista di una corretta e coerente  integrazione dei relativi sistemi tecnologici nell’architettura dell’edificio.  A tale scopo, per il dimensionamento, la progettazione e la valutazione economica di impianti solari fotovoltaici sono previsti approfondimenti sull’utilizzo dei più diffusi software di calcolo disponibili in commercio.

Durante questa fase è possibile acquisire un buon livello di autonomia operativa nella valutazione della prestazione energetica degli edifici, sia ai fini dell’esecuzione di diagnosi energetiche dello stato di fatto attraverso l’applicazione di metodologie e tecniche di indagine riconosciute a livello internazionale, sia per la redazione dell’Attestato di Prestazione Energetica. All’interno di questo modulo è previsto lo svolgimento del LABORATORIO PER ESPERTO IN GESTIONE DELL’ENERGIA - EGE di 40 ore, che fornirà la preparazione necessaria valida ai fini l’accreditamento professionale richiesto dallo schema di certificazione delle competenze sviluppato da TÜV Italia per ESPERTO IN GESTIONE DELL’ENERGIA - EGE per i settori civile e industriale ai sensi della norma UNI-CEI 11339:2009 e UNI EN ISO/IEC 17024:2014.

 

Durata: febbraio 2020 - marzo 2020 

Crediti Formativi: 11 CFC

 

 _____________________________________________________________________________________________________________

 

 

M4 - Simulazione dinamica per la progettazione energetica avanzata

 

Il Modulo mira ad approfondire le seguenti tematiche: definizione e valutazione del comfort termico indoor; progettazione energetica del sistema edificio-impianto; simulazione termo-energetica dinamica dell’edificio; analisi delle prestazioni termoigrometriche dei componenti di involucro opachi e trasparenti. Verranno introdotti i principi base e i fondamenti teorici per l’uso dei software di certificazione energetica maggiormente diffusi a livello nazionale, oltre che di quelli dedicati all’analisi e verifica della condensa interstiziale e dei ponti termici (Therm).

Oltre ai software basati sul metodo semi-stazionario in accordo con le norme UNI TS 11300 e già ampiamente illustrati all’interno del Master, in vista delle novità introdotte dalla norma UNI EN ISO 52016, la nuova offerta formativa integra nel percorso didattico del Master il LABORATORIO DI SIMULAZIONE ENERGETICA DINAMICA - BEM.

Il laboratorio fornisce le basi per la costruzione di modelli virtuali di sistemi edilizi e impiantistici mediante l’uso di software di simulazione energetica a regime dinamico (EnergyPlus/Open Studio), illustrando tutte le fasi di modellazione e settaggio dei dati di input richiesti per l’analisi energetica: modellazione tridimensionale dell’involucro; definizione delle caratteristiche del luogo (orientamento, clima, esposizione,ecc..); costruzione delle stratigrafie di involucro attraverso la caratterizzazione dei materiali e dei componenti; settaggio delle condizioni climatiche interne e dei profili di utenza;  elaborazione e analisi dei risultati. Verrà inoltre presentato un esempio di settaggio e di calcolo dinamico di una configurazione impiantistica con integrazione di fonti di energia rinnovabile. I risultati saranno analizzati in termini di fabbisogno di energia primaria, contributi energetici da impianti a fonti di energia rinnovabile, riduzione delle emissioni di CO2 e costi di gestione.

Il Modulo è di particolare interesse per tutti i professionisti che vogliono aumentare la propria competitività sul mercato avvicinandosi allo studio dei modelli di simulazione dinamica di sistemi e componenti edilizi e impiantistici, per essere in grado di operare un’analisi integrata del progetto attraverso la definizione dei requisiti di prestazione energetica dalla fase di concept a quella di realizzazione e gestione del manufatto architettonico.

 

Durata: marzo 2020 - aprile 2020 

Crediti Formativi: 11 CFC

 

 _____________________________________________________________________________________________________________

 

 

ML - Projectwork Professionalizzante

 

Oltre ad una preparazione completa ed integrata in campo energetico-ambientale, il Master ABITA offre specifiche iniziative di formazione sulle modalità di accesso al mondo del lavoro (oltre 24 ore di Project work professionalizzante) e sulle tecniche di autopromozione (come gestire un colloquio di selezione e come affinare le doti personali di comunicazione e presentazione).

Il Master ABITA organizza, presso la sede didattica, un incontro tra gli allievi ed un gruppo selezionato di aziende o studi professionali, che si articola in momenti di presentazione ed interviste e costituisce un'importante occasione di conoscenza e dialogo con esponenti del mondo del lavoro.

Una ulteriore opportunità di confronto con la realtà professionale è offerta dallo stage, durante il quale ciascun iscritto ha la possibilità di mettere in pratica gli strumenti operativi appresi.

L'alta qualità del programma formativo ed il legame con la realtà produttiva hanno consentito a gran parte degli studenti delle precedenti edizioni di intraprendere percorsi professionali coerenti con le finalità del Master, collocandosi nel mondo del lavoro in modo stabile nei sei mesi successivi al conseguimento del titolo di Master.

 

Durata: febbraio 2020 – marzo 2020

Crediti Formativi: 4 CFC

 

_____________________________________________________________________________________________________________

 

 
ultimo aggiornamento: 05-Giu-2019
Unifi Home Page Dipartimento di Architettura

Inizio pagina